Ho recentemente parlato di un altro romanzo in cui la paura di morire e il desiderio, dunque, di non invecchiare mai riprendevano la tradizione letteraria, trasformandola in una storia complessa, oscura  e vasta.

Lo stesso topos ritorna in una storia molto più semplice, ma ben costruita, che continua una collana narrativa di CoccoleBooks, pensata per i primi lettori (7-8 anni).

La presenza di un tema simile e la differenza di struttura narrativa mi ha infatti dato l’occasione di riflettere ancora una volta sulle peculiarità testuali che possono soccorrere e accompagnare i lettori - soprattutto quelli che fanno più fatica - in un progressivo e crescente gusto per le storie.

Un drago in metropolitana incentra la sua storia su due fratelli, che appartengono ad una famiglia di origine cinese, e intreccia la sua trama con un ordito dato dalla tradizione dello spirito del Drago che si celebra durante il Capodanno cinese. Gli scavi per la nuova metropolitana, sotto i piedi della piccola cittadina dei due protagonisti, permettono di scoprire un nido di un drago, le cui scaglie sono capaci di regalare l’eterna giovinezza. Una imprenditrice senza scrupoli si dovrà scontrare con Marzia e Arturo che faranno di tutto per salvare mamma drago e il suo draghetto.

Il romanzo di Sergio Baldino è prevedibile, ma ben orchestrato, limpido e lineare nella stesura dei passaggi narrativi e nelle sue svolte. I personaggi sono delineati con chiarezza e si comportano esattamente come ci aspetteremmo, non esiste una loro evoluzione significativa e questo permette che il patto di fiducia con il lettore rimanga saldo e non richieda ridiscussioni (mentre nei romanzi più complessi, accade assai di frequente). Le scene avventurose si avvicendano, ma non ci imbattiamo mai in imprevisti: anche se temiamo l’antagonista (Kelly Trama, novella Crudelia De Mon), non abbiamo mai dubbi che Marzia e Arturo la spunteranno.

Tra piccoli bulli e king-fu, tra biscotti e fughe notturne, il lettore può seguire d’un fiato le vicende di questi due fratelli, senza timore di incomprensioni.

La lingua è esatta e corretta, senza essere sciatta o forzatamente colloquiale, il testo è impaginato in modo chiaro e con ampi margini, le frequenti illustrazioni in rosso e nero di Nicolò Mingolini, infine, rendono scorrevole e visivamente intrigante questo piccolo giallo.

Romanzi di questo tipo credo siano allenamenti interessanti per primi lettori (7-8 anni) che faticano ad ingranare o per primissimi lettori lanciati (6-7 anni) e a cui spesso si propongono testi banali o troppo complessi, invece alcune accortezze testuali e la consapevolezza, da parte dell’adulto proponente, possono aiutare e supportare i lettori, qualsiasi siano le sue abilità e le sue attese.

Un drago in metropolitana Sergio Badino - Nicolò Mingolini 160 pagine Anno 2021 Prezzo 10,00 ISBN 9788894970593 Editore Coccole Books
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.