Apro questo mese dedicato al tema della traduzione con un libro curioso che tocca uno degli argomenti più complessi e affascinanti della lingua: le espressioni proverbiali.

I proverbi (che sono una cosa ben diversa dai modi di dire!) nascono in un grembo linguistico antichissimo, si intrecciano alle immagini di cui la cultura si imbeve e arrivano nella modernità portando significati e insegnamenti spesso semplificati ma sintetici ed eterni.

Perché una mela e un gatto invece di un drago e di un orso? Perché un asino e il miele e non un maiale e le perle?

Fiabe, racconti, testi fondamentali della religione e del pensiero, condizioni di vita e dettagli di una quotidianità unica e poi naturalmente la musicalità della lingua e del dialetto… in linguistica c’è una branca dedicata solo a questo tipo di studi: la paremiologia!

Raccogliere i proverbi è pari a fare una ricerca poetica, perché spesso le immagini che sorgono dalla poche parole che li compongono sono ricche e complesse, inaspettate e spiazzanti, vere e proprie metafore che affondano il loro significato nella cultura e nella storia. Michela Tartaglia in Una mela al giorno ci guida in questo viaggio attraverso 26 proverbi italiani per i quali cerca e mostra il corrispettivo in altre 3 lingue (inglese, francese e spagnolo).

Ogni sezione si apre con una breve spiegazione del proverbio, «Ma perché si dice così?», una spiegazione necessaria, perché la storia spesso rende opaca la comprensione di queste espressioni retoriche dense e soprattutto perché molte usanze e abitudini si sono perse: i piccioni venivano cacciati grazie ad una fava secca legata ad un lungo filo, lo sapevate? Il vento seminato trova un’eco nelle parole del profeta Osea e i grilli sono rinomati per non stare mai zitti né fermi, anche se queste stesse caratteristiche sono più tipiche dei pipistrelli, secondo gli inglesi!

Nei brevi testi introduttivi l’autrice mostra come il proverbio si declini nelle altre lingue: spesso c’è una sovrapposizione perfetta, che indica un’origine antichissima del proverbio («Una mela al giorno toglie il medico di torno» è identico per tutti), altri invece raccontano di gusti specifici dei diversi popoli (il burro - ad esempio - è ingrediente dei proverbi francesi!), di fauna specifica di luoghi reali (il corrispettivo del «can che dorme» è l’orso nel mondo inglese, la vespa in quello spagnolo e il gatto in quello francese) o di usanze uniche come le diverse tecniche di caccia. 

Al testo segue una gallerie di immagini che dà vita alle diverse sentenze.

Daniele Simonelli scegli la strada di una rappresentazione letterale che dona alle immagini uno spirito e un’ironia sottile molto vera, a volte cruda: le corde che calano dal cielo fittamente rendono trasparente l’espressione francese per l’italiano «piove a  catinelle», il gatto rimane davvero con zampa mozzata mentre «va al lardo».

Nella sua semplicità il libro è una scoperta di volti diversi e di atteggiamenti differenti dei vari popoli e dei nostri antenati, un viaggio quasi antropologico che racconta quali fossero gli insegnamenti ritenuti essenziali da tramandare, piccole indicazioni ripetute talmente tante volte da diventare espressioni iconiche.

L’unica osservazione che mi sento di fare riguarda il sottotitolo: Proverbi e modi di dire dal mondo. La scelta di paragonare 4 lingue globali come l’inglese, lo spagnolo, il francese e l’italiano certo copre un parte consistente della popolazione mondiale, tuttavia in un modo o nell’altro rimane eurocentrica (3 su quattro sono lingue romanze!) e questo non permette di spaziare molto oltre l’orizzonte già conosciuto dai lettori italiani. Sarebbe stato possibile un paragone con lingue orientali o arabe? E con le lingue nordiche e africane? Difficile rispondere. Probabilmente no, perché anche le esperienze, le credenze e gli atteggiamenti che i diversi popoli hanno di fronte alla vita cambia, ma rimane un interrogativo aperto e il desiderio di conoscere di più.

P.S. quasi non ci si crede, ma l’autrice ha lasciato un indizio gustoso nella scelta del titolo: sapete Michela Tartaglia di cosa si occupa?! Scopritelo qui ;)

 

Una mela al giorno Michela Tartaglia - Daniele Simonelli 144 pagine Anno 2020 Prezzo 18,90 ISBN 9788894811872 Editore Nomos
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.