Il libro di Joyce Coffin Oh! torna in Italia dopo vent’anni precisi dalla sua uscita e dopo una prima edizione Emme ormai fuori catalogo, torna per i tipi di Kalandraka con una giovinezza immutata che regala un senso di sorpresa e di stupore a tutti i bambini che lo abbiano tra le mani.

Oh! è un libro per certi versi datato, figlio di un secolo diverso, nel senso che appartiene ad un altro tempo in cui la fiducia nel potere dell’immaginazione e la considerazione delle competenze dei bambini erano tenute probabilmente in una considerazione maggiore. Nessun orpello, nessun aiuto, nessun invito, nessun testo… questo silentbook basa la sua efficacia e la forza dirompente della sua comunicazione sulla pagina bianca e sull’oggetto, protagonista grande e muto, rappresentato nel centro di ogni doppia pagina. 

Pagina dopo pagina, il lettore scorre una serie di soggetti quotidiani disegnati morbidamente a matita in modo chiaro, con contorni scuri nettamente segnati, sotto cui si percepisce la trama di una carta che ricorda la carta da pacchi a righine, intorno solo bianco.

La meraviglia scatta quando la doppia pagina si apre, trasformando la semplice tazza, pipa, scarpa, mela… in modo completamente imprevedibile in qualcos’altro un bambino che salta, un gatto, una carrozza, un elefante...

Un gioco di salti dentro e fuori che diverte e inganna l’occhio e le mani che - vedrete- ripeteranno più volte il movimento di svelamento, perché l’esito è difficile a credersi!

Maria Enrica Agostinelli ci aveva abituato a un gioco simile ragionando sul dettaglio e il suo rapporto con lo sguardo d’insieme e ancora più recentemente il team dei Minibombo ci ha fatto giocare con il punto di vista, in Oh!, invece, l’illustratore belga gioca sulla trasformazione assolutamente imprevedibile: la tazza da caffè si trasforma in una nave il pesce si trasforma in una papera, la molletta si trasforma in un pesce…

Ed è proprio quell’Oh! del titolo che immaginiamo accompagnare la lettura da parte dei bambini più piccoli: ohhhhh!

Il percorso non è però esclusivamente un divertissement astratto, fine a se stesso, ma ha un filo logico poiché tutti i soggetti - se ci fate caso - sono legati tra loro in un progressivo gioco ad incastri e la stessa tavola finale, che in modo inaspettato ricalca invece esattamente il soggetto sia a pagina chiusa che aperta, ci invita a ricominciare il gioco da capo.

Eppure cosa effettivamente lega le pagine le une alle altre? Lasciate che siano i bambini a raccontarvelo!

Quello contenuto in questo libro è un pensiero limpido ed esatto, senza arzigogoli, che lancia la palla i bambini sicuro che sapranno fare quel che devono o vogliono, perché non manca loro niente per potersi divertire.

Un libro davvero unico, un gioco di meraviglia da regalare ai bambini dai 3 anni.

Oh! Josse Goffin 52 pagine Anno 2021 Prezzo 16,00€ ISBN 9788413430799 Editore Kalandraka
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.