Image
Top
Menu
19 dicembre 2015

Ti amo!

Quando scelsi l’hastag per questo periodo natalizio, #regalailtempoeunlibro pensavo, come penso tuttora, che il tempo passato insieme sia il bene più prezioso e raro, perché sempre meno disponibile nel mondo di oggi, e poi pensavo alle parole che possono non esserci ma che a volte sono necessarie. Le parole tuttavia spesso sfuggono e si vorrebbe trovarle esatte e perfette, calzanti per quel momento, per quella persona, per offrire un aiuto, per creare un varco nel cuore e nello sguardo dell’altro, ma a volte le parole sfuggono. Regalare un libro oltre che al tempo aiuta, perché ci sono autori e illustratori che hanno saputo trovare parole e immagini per formare e plasmare quel marasma di desiderio, gratitudine, richiesta, dolore, felicità, amore che il cuore di tutti custodisce.

Mio marito mi ha regalato un libro (in realtà me ne ha regalati moltissimi!!) che mi toccò il cuore in un momento speciale, che parlava del suo amore per me e che – udite udite – lo faceva addirittura attraverso le parole di Beatrice Alemagna: poteva esserci un libro cucito meglio su di me?

Quest’anno però ho trovato le parole per ricambiarlo e anche se non arriverà per Natale, perché lui l’ha già sbirciato, questo libro è dedicato a lui: I like you di Sandol Stoddard Warburg e Jacqueline Chwast.

Il libretto è di piccole dimensioni, illustrato con fluidi tratti neri descrittivi da Jaqueline Chwast, con pagine color ocra. Le doppie pagine sono quadretti indipendenti che danno l’occasione di godere delle capacità da ritrattista dell’illustratrice e che testimoniano la sua grande ironia, impedendo a questo libro di diventare un mieloso libri di cuori e fiori.

Ma dovete leggere il testo per capire perché molti americani lo usano per le loro dichiarazioni d’amore.

«I like you because you are a good person to like»

Mi piaci perché mi fai morire dal ridere e ridi quando io rido e se rido per delle sciocchezze sei felice con me.

«I like you because when I tell you something special you know it’s special and you remember it a long long time. You say remember when you told me something special and both of us remember»

Mi piaci perché quando piango mi consoli come sai fare tu, che è il modo perfetto per me.

«When I think something is important you think it’s important too»

Mi piaci perché ti fai dare i consigli su come vestirti e sei l’ultimo a uscire di casa e poi balli con il cane e fai il ninja in salotto.

«We fool around the same way all the time»

Mi piaci perché quando successero le cose più grandi della mia vita tu c’eri e non hai vacillato di mezzo centimetro. E poi c’eri quando ho provato i miei primi stivaletti, e anche quando ho portato il mio primo cane a casa, quando ho fatto diventare rosa le tende rosse di Natale appena fatte confezionare… e anch’io sono stata presente ad alcuni tuoi momenti epici.

«And I like you because when I am feeling sad you don’t always cheer me up right away. Sometimes it is better to be sad you can’t stand th others being so googly and gaggly every single minute. You want to think about things. It takes time».

Mi piaci perché quando ti hanno chiesto cosa ti avesse colpito di me hai risposto: «Oltre all’ovvio, che è bellissima?» e io credo che non me lo scorderò mai.

«I like you because if I am mad at you then you are mad at me too. It’s awful whwn the other person isn’t».

Mi piaci perché hai ingollato polpette fredde senza fiatare la prima volta che hai incontrato i miei genitori e anche perché mi ha costretto a mangiare del tremendo pesce pieno di lische davanti ai tuoi genitori, salvo poi dichiarare ad alta voce che era evidente che mi aveva fatto schifo.

«I would go on choosing you and you would go on choosing me over and over again. That’s how it would happen every time I don’t know why».

E poi insomma ci sono mille altri motivi per cui mi piaci, amore mio, ma te li scriverò in una lettera 🙂

Voi cosa aspettate a regalarlo a chi amate? Amico, marito, moglie (fareste un colpaccio, vi assicuro!), fratello, sorella, zio, zia, nonna, nonno…

I like you
Sandol Stoddard Warburg – Jacqueline Chwast

48 pagine
Anno: 1992

Prezzo: 6,66 €
ISBN: 9780395071762

Houghton Mifflin editore
Anobii