Image
Top
Menu
15 marzo 2018

Natura fiammeggiante

Ho guardato qualche sera fa L’ultimo lupo, un film sino-francese che racconta di due giovani studenti di Pechino, inviati nella Mongolia Interna per indottrinare e convertire alla rivoluzione comunista gli ignoranti popoli rurali viventi ai confini del mondo.

L’iniziale supponenza lascia immediatamente spazio ad un affetto e ad un rispetto reverenziale per un popolo povero e analfabeta, ma assai fiero, ricco e dotto per la realtà in cui vive. La sintonia con il mondo naturale non è solo una disposizione d’animo per le popolazioni contadine o, come in questo caso, per i gruppi di allevatori nomadi: conoscere le leggi, i tempi e la lingua naturale assicurano la sopravvivenza e attribuiscono a questi uomini una statura morale e intellettiva fuori dai soliti canoni, ma imponente. Quando le regole vengono violate in nome dell’astratto ragionamento del Partito, quando le creature vengono vessate e piegate in nome della supremazia dell’uomo, la natura si ribella, acerbamente, duramente e anche clamorosamente.

Questo tono, questo ideale rispettoso del mondo naturale, non in virtù di una moda passeggera (come a volte accade in Occidente), ma come essenziale dimensione dell’uomo ritorna spesso nei racconti cinesi e Fiamma ne è un esempio lampante.

«La fiamma non è un fuoco ardente nel focolare, ma una calda rossa madre volpe». Così si apre il racconto in questo albo, illustrato magistralmente da Chengliang Zhu.

La volpe è un’animale particolarmente sacro ai cinesi e non sorprende di trovarla come protagonista di questa storia di ingiustizia e disordine di verità e bellezza dove il rosso fulvo del manto si confonde con l’eterea immagine di una fiammella danzante.

La volpe vive nel bosco con i suoi piccoli, ma un giorno un fuoco diverso, un rumore molesto turba e spezza l’armonia del bosco: l’uomo è arrivato e Fiamma scappa in un fuga vertiginosa insieme ai suoi piccoli. Ma ecco che a metà strada un piccolo cade in una trappola del cacciatore. Non sappiamo dove Fiamma nasconda l’altro cucciolo, la vicenda da questo momento seguirà solo la madre impegnata strenuamente nella liberazione del suo piccolo. La paura lascia spazio all’intraprendenza, Fiamma proverà un’incursione direttamente nella capanna del cacciatore e sfuggirà solo grazie alla protezione impensata di un gregge (la tavola del salto sulla capra è da brividi!). Ma non basta ed eccola tornare furtiva di notte: è la tenace rivolta della creatura indifesa, è l’ostinata rivolta del debole ingiustamente tradito. I cani vengono liberati e la fuga diventa, attraverso una magistrale strutturazione delle illustrazioni, un’incalzante sequenza cinematografica da togliere il fiato: veloce, sempre più veloce, vicini, sempre più vicini.

Attraverso fasce orizzontali e cambi di punto di vista vertiginosi (da dietro, da sopra, da lato, da davanti) viviamo l’angoscia della volpe braccata, poi in un tavola dal movimento circolare ecco giungere il treno a vapore, Fiamma è sul viadotto, ma un salto stremato la salva. Non c’è stanchezza, non c’è tempo di ripresa, Fiamma torna alla ricerca del suo piccolo: è una trappola lo sa, ma cosa può fare?

Ed ecco che sulla collina come veri spiriti (狐狸精 hǔli jīng) decine di volpi nere e rosse giungono a sostenere Fiamma: i cacciatori non possono che fuggire.

L’illustratore cinese mostra in quest’opera una capacità prospettiva quasi cinematografica, con scorci arditi di soggetti in movimento ed un accorto uso di sfondi bianchi ed orizzonti ricchi. Gli acquerelli non risparmiano minuti dettagli, come le pietre e le trame delle cortecce, il ciottolato e i peli del manto arruffato. La natura prende nelle sue illustrazioni pieno campo: il bosco, i campi, le montagne lontane, i fiume le colline… mostrano il loro fascino che ancestralmente ha invaghito gli artisti cinesi.

Un libro davvero incredibile e denso nel suo raccontare con semplicità la dimensione sacra del mondo naturale, dove spiriti e animali convivono e dove l’equilibrio è dato dal rispetto di ogni suo membro e di ogni sua parte.

Fiamma
Chengliang Zhu 

di questo volume trovate un’edizione bilingue (inglese/cinese)

56 pagine
Anno: 2017

Prezzo: 13,11 €
ISBN: 9781945295041

Candied Plums editore

Lascia un commento