La galleria di protagonisti inconsueti e gentili di Tomi Ungerer continua il suo fuoco di fila grazie alle splendide (ri)edizioni di Lupo Guido: quest’estate è stato il turno di Rufus e di Adelaide. 

Rufus è un pipistrello che un giorno scopre che il mondo, che lui conosce scuro e cupo nella notte, è un fiorire di colori al sorgere del sole, così decide di provare a stare sveglio per godersi la luce. Questa decisione azzardata e contro ogni canone di “ragionevolezza” causerà un mare di guai al piccolo arruffato mammifero con la passione per i colori. Sparatorie, mal di testa... eppure anche in questo caso una grande amicizia!

Adelaide, invece, è una piccola cangurina che nasce con le ali e con quelle andrà alla scoperta del mondo, un mondo molto diverso dai deserti australiani in cui è nata. Un cuore coraggioso quello di Adelaide che penserà alla sua unicità, cercando di farla fiorire, come a dire: se ho le ali a qualcosa di buono serviranno. Anche in questo caso le avventure non mancano, tra viaggi intorno al mondo, spettacoli di cabaret e salvataggi al cardiopalma in edifici in fiamme. Ma ancora una volta, alla fine cosa rimane? I legami di affetto e di amore.

Alcune considerazioni generali, a questo punto sono d’obbligo. In tutte le avventure animalesche di Tomi Ungerer, le persone (o meglio alcune persone) mostrano di saper allacciare con i protagonisti animali rapporti di amicizia viscerale e sincera, amicizie basate sul prendersi cura a vicenda e sulla condivisione delle passioni.

Tutti i protagonisti sono animali strambi, di cui difficilmente troverete altre storie illustrate (pitone, polipo, pipistrello, canguro…) e se la prima coppia (Crictor ed Emil) condivide uno slancio legato alla gratitudine verso l’amico umano, Rufus e Adelaide sono invece prototipi dei desideri infiniti: il primo vuole vedere i colori del cielo del giorno, la seconda vuole poter volare! In ogni caso, tuttavia, è l’animo grande e generoso di questi protagonisti a colpire i lettori: la capacità di gesti disinteressati e la timida e caparbia determinazione che guida i protagonisti verso l’ottenimento di quella che è la felicità, la soddisfazione dei grandi desideri del cuore e che si concretizza in relazioni di amicizia e di amore che chiudono significativamente tutte queste storie.

«Leon e Adelaide erano felici ed ebbero molti figli. Circondata dalla sua bella famiglia e dai tanti amici, ad Adelaide non mancava più nulla»

«Spesso però, dopo il tramonto, Rufus tornava dal dottor Tarturo e cacciava falene per la sua collezione. Questo rendeva entrambi molto felici»

Non mancano le sconfitte, le opposizioni,  l’agone, eppure nessun protagonista è sfiorato dall’idea di abbandonare la lotta o arrendersi.

Le trame delle storie non sono mai banali o scontate: gli impedimenti o gli ostacoli che incontrano i protagonisti non sono prevedibili e anzi spesso l’avventura si insinua con disinvoltura in contesti quotidiani (a Rufus sparano, Adelaide si innamora di un canguro in uno zoo e salva dei bambini da un incendio!), rendendo le storie avvincenti e appassionanti, sebbene molto semplici da comprendere. Questi animali sono eroi fragili e imperfetti (a Rufus il sole fa venire tremendi mal di testa e Adelaide non riesce a sopportare il peso di due bambini nel marsupio e precipita) e le loro storie mostrano come la realtà chieda adattamenti e compromessi che, se accettati e magari affrontati insieme ad un amico, riescono a diventare occasioni per tutti: Rufus andrà a cacciare le falene più belle nel buio della notte per l’amico dottor Tarturo e Adelaide scoprirà che anche a terra sono moltissime le cose che rendono felici!

Lo stile illustrativo caratterizza in modo diverso i volumi. Rufus è denso di colori accostati pastosamente e con contrasti sorprendenti che colpiscono il lettore come probabilmente colpirono Rufus nel loro stridente dialogare di luce e buio (le ali dorate della falene sembrano vetrate medievali!). Adelaide è vergata con leggerezza in pagine che oltre al nero conoscono solo il tenue color sabbia.

Due volumi belli che faranno la gioia dei bambini dai 3 anni, ma che si prestano (e che possono soddisfare) anche lettori autonomi alla ricerca di storie abbordabili, ma non semplificate, da leggere finalmente da soli.

Rufus Tomi Ungerer 32 pagine Anno 2020 Prezzo 15,00€ ISBN 9788885810242 Editore Lupo Guido
Adelaide Tomi Ungerer 40 pagine Anno 2020 Prezzo 15,00€ ISBN 9788885810266 Editore Lupo Guido
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *