Image
Top
Menu
25 settembre 2017

Una splendida giornata

Avete in mente quelle giornate che incominciano grigie ed evolvono in nere? Cosa serve per dare una svolta alla giornata?

Suzy Lee questo mese sbanca tutto con un secondo albo in uscita, questa volta in veste di sola illustratrice, che prova a dare una risposta alle nostre domande, il libro è Una splendida giornata di Richard Jackson.

Come suo solito, Suzy incomincia a raccontare la sua storia ben prima che il suo collega statunitense abbia iniziato ad offrirci le parole: i primi risguardi, infatti, ci offrono un quadro di folto nuvolame nero e fitta fittissima pioggia che non permette neanche uno spiraglio di sollievo. Accanto al frontespizio lo stato d’animo che ci ha investito è immediatamente esplicitato da due bambine sconsolate e annoiate che accanto al titolo leggero e frizzantino scoraggiano anche il più fiducioso dei lettori. Non è ancora incominciata la narrazione, ma nella pagina accanto al colphon, si innesca la svolta narrativa: un bimbetto mollemente sdraiato accende una radio («clic», lo dico io perché non c’è parola). Arrivano le parole, quando la storia ha già oltrepassato, di un passo – anzi di un gesto -, la criticità, ha scollinato: «questa splendida giornata…». Nella doppia pagina tutta bianca, nera e grigia il filo azzurro sottile della musica sale come le gocce di un’onda più nota… Gli sguardi si animano le mani si attivano, il cane si stiracchia, come su un ottovolante scendiamo lentamente e poi sempre più velocemente, giù giù «ci fa danzare e ondeggiare», la musica si diffonde azzurra, sprazzi di cielo azzurro in una stanza, seguendo i movimenti timidi e poi sempre più concitati dei tre fratelli: salti, girotondi… «ci fa fremere e scalpitare». Il testo è un crescendo di entusiasmo e movimento, ma mantiene il ritmo della canzone con il ritornello festante: «Questa splendida giornata… ci fa saltare, cantare e strillare», «Questa splendida giornata… è perfetta per una sfilata, per far capriole e nascondersi (dove?)». Indossati gli stivali e imbracciati gli ombrelli, i bambini partono alla conquista del “fuori”: è come una breve salita, il ritmo rallenta ci si fa cauti e silenziosi, ma varcata la soglia della portafinestra, l’azzurro invade le pozzanghere e anche il grigio del giardino che si colora impercettibilmente prima di verde e poi di giallo di rosso, di rosa… si ricomincia a correre! Ai fratelli si aggiungono gli amici, i vicini, anche le mamme in lontananza, i prati verdi e il cielo azzurro si fanno contagiare dagli ombrelli multicolori e dagli stivali vitaminici. Il gioco è iniziato, l’euforia gioca e canta e corre e quasi non ci si accorge che il temporale è scomparso: è una giornata splendida per «scoppiare di vita», ma anche per «battere le mani» e «schiacciare un bel pisolino».

«Trallallero (slurp) trallallà (slurp)». Non c’è più grigio ormai, non più nero, un tempo così perfetto, una giornata così splendida «dai, dillo anche tu, è una splen-di-da giornata!». I fratelli insieme alla mamma si fermano un attimo a gustarsi un gelato, un istante perché poi il vento…si ricomincia a correre!!

Un libro entusiasta ed entusiasmante che è una canzone di felicità (adattissima alla lettura ad alta voce!), ma che è anche un silentbook, perché Suzy Lee è capace di raccontare mille altre storie attraverso le sue immagini. Un concentrato di gioia e di primavera, l’ideale per le giornate grigie di un autunno incipiente: la spinta giusta per tutti i lettori adulti e la melodia esatta per tutti i bambini dai 3 anni.

Saverio (7 anni) si è molto dvertito, poi abbiamo ballato insieme e ci siamo detti che al primo vero acquazzone andremo a schizzarci nelle pozzanghere, perché non siamo sicuri che Hutai (2 anni) lo abbia mai fatto!

P.S. Suzy ci aveva anticipato alcuni dettagli sulla nascita di questo albo, andate a leggere la sua intervista!

Una splendida giornata
Richard Jackson – Suzy Lee – Sara Ragusa (traduttrice)

32 pagine
Anno: 2017

Prezzo: 16,00 €
ISBN: 9788861894358

Terredimezzo editore
Compralo da Radice Labirinto: se non sai come fare clicca qui che ti spiego.

Lascia un commento