Image
Top
Menu
22 novembre 2018

Che folle scenata che chiasso: Mosè ci rimase di sasso

A metà strada tra il gioco, la poesia e la barzelletta (questa la sfumatura che alcuni ragazzi della primaria hanno sottolineato) Eroi re regine si presenta come una raccolta poetica davvero originale.

Nicola Cinquetti, che avevamo già apprezzato per la spontaneità e l’originalità nel descrivere l’infanzia, ci accompagna in questo volumetto in un viaggio storico, presentandoci personaggi eminenti e celebri attraverso rime che sanno essere scherzose, ma anche semplicemente vere.

Ghandi 

«Guardami negli occhi

quando mi colpisci:

riflessi vedrai

quei tuoi occhi senza pace.

Guardami negli occhi.

Io di colpirti

non sono capace»

Einstein

«Geniale scienziato,

avevi davvero

una gran bella testa:

capelli bianchi, 

lunghi, 

sempre in festa»

I versi liberi si alternano a composizioni in rima baciata o alternata, donando alla raccolta una varietà piacevole. Filo conduttore è la brevità dei testi, quasi fossero una battuta raccontata tra amici. L’ironia e lo scherzo si basano su episodi celeberrimi associati al personaggio, ma anche su metafore inventate a partire dal nome (Carlo Martello, ad esempio, si presta!) e su giochi di parola.

«Sale Isacco sul melo del vicino, 

lesto ruba le mele al contadino.

Ora s’aggrappa con forza alla frasca

questa si spezza e il ladruncolo casca.

Medita il giovane, dopo l’impatto:

ha capito la gravità del fatto»

Chi è? 🙂

«Finita la festa, 

Copernico disse:

“Ho bevuto 

un po’ troppo,

signori, 

mi gira la terra”»

Nicola Cinquetti non è banale né nella lingua (sempre curata, con perle lessicali ricercate e slittamenti semantici che affondano nell’universo della parola) né nella selezione dei protagonisti (c’è Dante, Leopardi, Atahualpa, Cincinnato, Campanella, Magellano, Matilde di Canossa.)…

I ragazzi dagli 8 anni capiscono di trovarsi in mezzo ad un gioco arguto, ridono anche di battute che credo non capiscano sempre esattamente, ma leggono con avidità i testi, come raramente accade quando si parla di poesia.

La storia mostra il suo fascino attraverso personaggi e parole divertenti, lanciando semi che possono far nascere la curiosità. Una piccola “enciclopedia tascabile”, in appendice alla raccolta poetica, presenta le brevi biografie di tutti i protagonisti, con notizie essenziali, ma funzionali. Non c’è alcuna preoccupazione didattica, il poeta gioca con la storia e le parole: l’effetto è proprio quello gioioso delle barzellette e degli indovinelli tra bambini.

Federico Appel accompagna con il suo tratto leggero le composizioni, cercando di dar vita ai giochi di parole e strappando sorrisi allo stesso modo dei testi.

Una raccolta che consiglio di regalare a tutti i ragazzi (dagli 8 anni) che pensano di odiare la poesia e anche a quelli che amano ridere e raccontare le barzellette. 

La poesia è anche gioco, un sensatissimo e travolgente gioco!

Eroi re regine
Nicola Cinquetti – Federico Appel

80 pagine
Anno: 2017

Prezzo: 11,00 €
ISBN: 9788899853044

Parapiglia editore