Image
Top
Menu
19 settembre 2017

Qui con te

Non so se vi capita di ascoltare delle canzoni mai ascoltate, di non capirne fino in fondo le parole eppure di piangere e commuovervi, senza un perché, in uno di quei momenti in cui la tristezza, il coraggio, la gratitudine, la gioia si fondono facendoti singhiozzare e stringendoti lo stomaco fino alla nausea. A me succede e succede che libri mi riportino a quel crogiuolo emotivo e disordinato, come se cantassero in sottofondo quella canzone. Qui con te di M.H. Clark e Isabelle Arsenault mi ha fatto questo effetto e mi ha fatto venire in mente questa canzone.

Il testo è una breve, intensa poesia e declina il tema dell’appartenenza (il titolo originale è infatti You belong here), un tema forse un po’ bistrattato e frainteso, ma che costituisce un bisogno originario dell’uomo: appartenere a qualcuno, essere legati in modo inscindibile a qualcuno.

«Le stelle appartengono alla notte scura,

come la luna,

il vento è a casa nei luoghi in cui soffia

e il mio posto è qui con te».

«Le balene e i pesci appartengono al mare,

le onde alla battigia,

e delle scogliere l’erba è parte

perché le scogliere sono fatte per l’erba».

Appartenere si declina in relazione («qui con te») e in “essere fatti per” attraverso immagini poetiche, fatte di parole scelte con cura eppure semplicissime. Ripercorrendo le filastrocche di tutto il mondo (pensate a Stella stellina…), guardiamo il mondo naturale e alla scontatezza perfetta per cui gli alberi appartengono alle trame del bosco e il cervo all’ombra dei rami, gli uccelli sono fatti per i nidi, la tartaruga appartiene alla sabbia calda e le lontre sono fatte per le canne e i giunchi. Come ritornelli, i quadri naturali, vengono intervallati da segmenti poetici che raccontano l’appartenenza umana, un’appartenenza amorosa che può essere intesa come rapporto tra innamorati o come rapporto genitoriale.

«La tua casa è il luogo che ami,

e alla fine di ogni giorno

sarai sempre accanto a me

e io accanto a te».

La scelta degli animali e delle loro “appartenenze” non è per niente scontato – e in questo si allontana dalle ninnananne tradizionali che per lo più avevano come orizzonte il mondo contadino – così le lepri appartengono alla brezza del deserto e le rocce alle comete, i grilli sono fatti per i vecchi muri di pietra e i pini per i monti.

Progressivamente l’appartenenza si declina in altre due parole chiave: “ per sempre” e “casa”. «Così l’inverno è di casa dopo l’autunno, prima che il nuovo anno ricominci da capo», tutte le creature sono a casa nel posto a cui appartengono.

«Quindi che importa dove andrai,

quali meraviglie sceglierai di vedere,

io sarò sempre qui, accanto a te,

e tu accanto a me».

Le immagini delicatissime di Isabelle Arsenault sembrano fatte apposta per la poesia: i colori stesi tenuemente, i grigi, i tortora, i neri, i blu, gli acquamarina e poi i delicatissimi dettagli aranciati e rossi e i gialli, sparsi come sfumature impalpabili. I quadri naturali comunicano uno stato di attesa e una serenità pacifica, le tavole dedicate al confronto “umano” mostrano sempre case, diverse con finestre chiuse appena illuminate da nuvole di polvere gialla. Non c’è forma umana visibile, la casa diventa rappresentazione della famiglia, luogo intimo, privato e forse per questo impossibile da rappresentare senza parzialità: la poesia invece è eterna e universale e dietro a quelle inferriate posso esserci io, ma anche tu. Le ultime due tavole brillano di colori più accesi: ognuno è al suo posto e il rosso segna forse il cuore pulsante di ciascuno e della casa.

Il libro si presta a commuovere ogni innamorato e coccolare intensamente ogni bambino: con la promessa certa che è l’esserci qui con te (badate non basta l’esserci bisogna esserci con!) a determinare, l’appartenenza. Un regalo perfetto, ad esempio, da offrire ad una mamma adottiva, come me, o ad un bimbo appena arrivato dall’altra parte del mondo, ma in realtà – come ho già detto – per tutti, dalla culla ai 99 anni.

Unica nota: peccato aver perduto, in traduzione, le rime!

Qui con te
M.H. Clark – Isabelle Arsenault

32 pagine
Anno: 2017

Prezzo: 15,00 €
ISBN: 9788861894334

Terredimezzo editore
Compralo da Radice Labirinto: se non sai come fare clicca qui che ti spiego.

Lascia un commento