È certamente ironico che che per parlare di Mildred si parta da Harry Potter, perché Mildred di Harry Potter è stata sicuramente fonte e celeberrima predecettrice, poiché ha visto la luce nel 1974.

Eppure ai lettori oggi un paragone tra i due maghi riuscirà utile, perché nell’accostamento al famoso maghetto dalla cicatrice in testa Mildred può mostrare le sue peculiarità. 

Come è stato per Harry Potter, la forza di Mildred fa leva su un mondo ben congeniato e costruito che trae la sua magia a piene mani dalle tradizioni centenarie dei collegi inglesi su cui innesta storie e avventure con grande fantasia e ingegnosità.

La lettura al giorno d’oggi di Mildred potrà forse risultare “povera” agli occhi abituati alla magnificenza degli scorci potteriani, cesellati con maniacale precisione, tuttavia la forza della serie di Mildred sta nel suo essere una serie (7 i volumi della collana!) affascinante e accessibile anche a lettori non rodatissimi (primi lettori abituati al minuscolo, dai 7 anni) e quindi molto spendibile.

Mildred è un personaggio ben costruito al centro di singole avventure che si concludono nell’arco di un breve volume, ben tracciate e focalizzate sulla protagonista. Il mondo creato intorno a questa streghetta imbranata (in inglese addirittura di parla di “worst” ‘peggior’ strega!) è dettagliato ma circoscritto, i personaggi sono caratterizzati ma non portano con sé grandi universi interiori e sono quindi più gestibili da quei lettori che ancora hanno bisogno di una trama bene segnata su cui camminare. 

Il primo episodio è dedicato a presentarci la protagonista e la scuola entro cui si svolge l’intero romanzo, l’Accademia di Magia di Miss Cackle. Mildred è una streghetta pasticciona e disordinata, e la vita all’intero di una scuola di magia non è così semplice!

«C’erano così tante regole che era impossibile fare qualcosa senza essere sgridate e sembrava che ci fossero compiti in classe ed esami ogni settimana. Mildred Hubble era al primo anno di scuola. Era la classica persona che pare cacciarsi sempre nei guai. Non era affatto sua intenzione infrangere le regole e far arrabbiare le insegnanti, ma ogni volta che c’era lei di mezzo, ecco che succedeva qualcosa»

La ragazzina conquista subito la simpatia dei lettori e l’accoppiata con le sua amica Maud risulta esilarante: le prima alta, magrolina con la punta delle trecce sempre in bocca, la seconda paffuta e bassa.

Ciò che colpisce della protagonista è la sua disarmante umanità: ha paura del buio («ma non raccontatelo a nessuno. Perché, ammettiamolo, si è mai sentita una strega che ha paura del buio?»), le piacciono i gatti, si arrabbia e fa incantesimi per trasformare le bulle in rane (trasformandole però in maiali!), però poi si pente e cerca di rimediare… I guai le capitano addosso anche se lei cerca di evitarli.

Potete dunque immaginare quale sia la preoccupazione della sua insegnante quando dovrà organizzare l’esibizione principale per la festa di Halloween!

Il nocciolo della storia si esplicita nella preparazione di questa importantissima manifestazione e negli eventi successivi alla catastrofe :) ma in realtà tocca temi paralleli molto vivi e attuali per l’orizzonte dei lettori: la vita a scuola, la prepotenza di alcuni compagni, le amicizie che non ti mollano mai («anche quando c’era da farsi venire la pelle d’oca»), la possibilità di mostrare che si vale…

Mildred mostrerà che così come casualmente inciampa sui guai, nello stesso modo è capace di porvi rimedio, grazie ad un temperamento di quelli che non mollano mai, e dunque dopo una sconfitta (anche sonora e generale!) il riscatto non è negato a nessuno.

Tra lezioni di volo sulla scopa, inni della scuola, sedute di pozioni, trasfigurazioni, streghe cattive e streghe-insegnanti intransigenti trascorrerete una piacevole avventura in una scuola di magia.

Una proposta fantasy semplice ma interessante e coinvolgente!

Aspettiamo i prossimi volumi!

Mildred. Una strega imbranata, La nuova frontiera Jill Murphy - Maria Cristina Virgilio (traduttrice) 112 pagine Anno 2020 Prezzo 13€ ISBN 9788898519866 Editore La nuova frontiera
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *