Image
Top
Menu
14 febbraio 2018

Professione? Coccodrillo!

Più che una storia senza parole, Professione coccodrillo di Giovanna Zoboli e Mariachiara Di Giorgio è una storia che lascia (positivamente e ironicamente) senza parole.

Mentre si sfoglia questo silent book per la prima volta si sente il rumore della testa che si arrovella, intervallato da sospiri strappati dagli occhi che si perdono tra la luce intensa e gli scorci inaspettati delle illustrazioni, in una sequenza che più o meno assomiglia a questa:

un coccodrillo umano (saremo in un mondo popolato di animali), no c’è un’umana (mmm dove siamo?);

– oh ma guarda che luce, mamma mia è abbagliante!

ok il mondo è popolato da umani e animali;

– oh ma guarda un tram milanese (!) però un ponte così è proprio americano (!) e quei palazzi sono per forza romani (!);

ma dove sta andando il coccodrillo?

– oh ma che spazi splendidi e intimi, sembra di passeggiare in un vicolo parigino, però la pubblicità è in italiano, no però questa metropolitana è proprio parigina;

ok allora siamo in mondo popolato da animali e persone, è mattina stiamo andando da qualche parte, un appuntamento? al lavoro? ah beh sì il titolo parla di professione…

– oh ma guarda che lucentezza, che aria chiara! Guarda le foglie di quell’arbusto e la luce che ha alle spalle, rimarrei qui a cercare di scorgere cosa nascondono;

fiori, pacchetti… andrà ad un appuntamento amoroso;

– ohhhh ma questa piazza vista dall’alto?! Mozza il fiato!

Uno zoo, mmm, uno spogliatoio, mmm;

– che aria sospesa, si sente l’umidità e il caldo piacevole dello spazio!

Ahahahahaha. Geniale.

La trama silenziosa che Giovanna Zoboli scrive è inaspettata e – mi immagino e lo conferma l’autrice stessa! – ben segnata in tutti i suoi passaggi così da preparare, in un climax ascendente, il finale tanto imprevedibile quanto straniante. Un mistero sembra avvolgere il protagonista e il lettore, coinvolto e incuriosito, non può che seguire con trasporto la narrazione pagina pagina, con ritmo incalzante, fino allo scioglimento finale.

Il tutto rischierebbe si esaurirsi, però, alla prima lettura (svelato l’arcano, fine del gioco) e invece l’apparato illustrativo di Mariachiara Di Giorgio riesce, come sempre, a donare ai libri una bellezza coinvolgente, ricca di dettagli, echi e atmosfere in cui ci trova a proprio agio e in cui si desidera trovarsi. Ma non è solo una questione di bravura, perché l’illustratrice riesce ad entrare perfettamente in sintonia con la storia: la doppia natura del protagonista e della società si rispecchia negli spazi che richiamano luoghi diversi eppure la coerenza con cui concretizza questo mondo risulta perfettamente naturale, tanto che non ci stupirebbe di scorgere una giraffa per strada, nell’alzare gli occhi dalle pagine del libro. Le immagini sanno reclamare il loro spazio di originalità e interpretazione con indubbio talento: i dettagli inseriti nelle tavole, le sequenze strutturate a mosaico nella pagina come nei fumetti con scambi veloci di punti di vista (vicino, lontano, dall’alto, di sbieco, di fronte, di dietro…), le figure che escono con disinvoltura dai confini delle illustrazioni… e la luce, la luce che si lascia respirare, con prospettive che mettono il lettore di volta in volta al buio (del tunnel della metropolitana, ad esempio) o nella chiarezza più nitida del giorno. Ogni rilettura del testo è una scoperta: si colgono anticipazioni o semplicemente minuti particolari su cui soffermarsi, stupiti.

La lunga sopita attesa che questo libro ha vissuto è l’esempio che l’intesa tra testo (e dico testo, non autore!) e illustrazione non è un elemento trascurabile nella progettazione di un albo, quello che è nato è un gioiello di bellezza e arguzia rare.

Dai 5 anni, per tutti.

Questo post partecipa al Mercoledì al cubo: se non lo conosci leggi qui.

Qui la versione di Apedario.

Qui la versione delle Briciole di Pollicino.

P.S. se desiderate conoscere le parole silenziose, che mancano, Giovanna Zoboli le ha pubblicate in calce al suo articolo in presentazione del testo.

Professione coccodrillo
Giovanna Zoboli – Mariachiara Di Giorgio 

32 pagine
Anno: 2017

Prezzo: 20,00 €
ISBN: 9788898523641

Topipittori editore
Compralo da Radice Labirinto: se non sai come fare clicca qui che ti spiego.

Comments

  1. Libro davvero interessante! Grazie per il bel consiglio 🙂

Lascia un commento