Image
Top
Menu
13 dicembre 2016

13 dicembre

L’insegnamento di Maria Montessori vive un momento di fama spesso (purtroppo) più basata su luoghi comuni che frutto reale di riflessioni e studio. Per questo la notizia dell’uscita di una collana di albi dedicati ai bambini e ispirati al pensiero della celebre educatrice mi aveva lasciata piuttosto dubbiosa.

Nenè con l’acqua fa da sé invece riesce con buon successo a parlarci dell’idea educativa di Maria Montessori, regalando al pubblico un libro semplicemente bello che racconta delle risorse dei bambini e delle avventure quotidiane, senza la pretesa di insegnare niente del metodo montessoriano, ma solo raccontando il mondo dei bambini. Senza conoscere questo antefatto, nulla della copertina ci rivela che ci troviamo davanti ad un libro ispirato ad una precisa linea educativa: quella di Nenè è la storia di un bambino come tutti gli altri che vive una normalissima giornata in casa, tra giochi, guai e soluzioni scovate con un po’ di ingegno.

«Nenè gioca con l’acqua e l’acqua gioca con Nenè che bello far le cose da sé». Il piccolo Nenè, infatti, sta giocando con acqua e bicchieri al suo tavolino, sotto lo sguardo attento dei suoi giocattoli, ma il rubinetto perde nel lavandino e disturba la concentrazione del nostro protagonista.

«Uffa, il rubinetto! Cocco, proviamo a rimediare? Mi dà fastidio questo sgocciolare». Per niente scoraggiato da un’impresa che di solito compete agli idraulici o agli “adulti”, il piccolo Nenè prova ad armeggiare con i rubinetti, ma rimedia, ahimè, solo una doccia improvvisa.

«Maglietta bagnata? Acqua sul pavimento? È il momento di asciugare e Nenè è contento. Spazzolone e straccio alla mano, Nené asciuga il pavimento», ma nel farlo si accorge di aver sporcato Conì Coniglio, così prende una bella tinozza e lo lava per bene. Poi, dopo un piccolo intoppo dovuto alla difficoltà di aprire lo stendino, finalmente tutto è steso ad asciugare. «Alla fine riesce nell’intento e Nenè si sente un vero portento» E ora? Arriva la mamma ed è la volta di Nenè di finire nella vasca per lavarsi. Poi ci si veste, ci si lava i denti e alla fine è il papà a leggere una bella avventura a Nenè.

Il racconto come vedete è quello di un pomeriggio come tanti altri, le azioni compiute sono molto semplici eppure colpisce come Nenè non sia scoraggiato dal compierle da solo, anzi per lui rappresentino una sfida emozionante: in fondo perché asciugare il pavimento non potrebbe essere un gioco? E perché un bambino non dovrebbe essere capace di farlo? Il testo in rima alterna descrizioni degli eventi a veri e propri interventi di Nenè che interloquisce con i suoi giochi. Quando arriva la mamma, d’un tratto – anche visivamente – capiamo quando Nenè possa essere piccolo e forse siamo ancora più orgogliosi di quello che è riuscito a fare. La filosofia dell’“aiutami a fare da solo” è perfettamente descritta in questa semplicissima avventura e in modo sorridente provoca una riflessione su quanto i nostri bambini (anche quelli piccoli di 2 anni!) siano competenti. Nenè gioca con l’acqua in varie forme (con i travasi, poi asciuga il pavimento, poi lava il coniglio…), si veste da solo, si lava i denti… Se ci si fa caso, l’ambiente intorno a lui lo asseconda (molto brava e puntuale la rappresentazione di Giulia Orecchia!): il tavolo e le sedie sono adatte alla sua dimensione, la cassettiera è piccina e sono segnalati i contenuti dei cassetti tramite immagini, il lavandino è raggiungibile con uno scaletto, lo stendino è perfettamente utilizzabile anche da lui, così come lo spazzolone per i pavimenti. L’ambiente coopera insomma alla dimensione del gioco e della conoscenza che è insita nei bambini più piccoli. Molto ben rappresentata è anche la solitudine del bambino che non è abbandonato (i suoi giocattoli lo accompagnano e lo guardano costantemente), gli adulti appaiono e guidano il bambino con empatia.

Un primo libro assai ben riuscito che racconta delle meraviglie che la quotidianità riserva a chi riesce a guardare le cose come una possibilità per sé e per il proprio bambino, un libro che riesce a ricordare come i bambini abbiano delle risorse che meritano di essere sfidate!

Nenè con l’acqua fa da sé
R. Poi – S. Colloredo – G. Orecchia

36 pagine
Anno: 2016

Prezzo: 15,00 €
ISBN: 9788869450341

Carthusia editore
Compralo da Radice Labirinto: se non sai come fare clicca qui che ti spiego.