Quello di oggi, La tempesta, non è un libro proprio da maggio - anche se il temporale che si è scatenato ieri sera in Brianza forse potrebbe farmi rimangiare quanto detto- così, sebbene mi sia molto piaciuto, ha latitato un po’ nello scaffale dei libri sospesi.

La storia della scrittrice francese Céline Claire è una storia molto esplicita e, a tratti, realisticamente dura sul tema dell’accoglienza e del bisogno, una esplicitezza che io non amo particolarmente negli albi illustrati, perché rischia di trasformare una storia in un discorso, eppure forse in alcuni casi e per alcuni argomenti l’essere diretti è la scelta migliore. Accompagnano la narrazione le magnifiche illustrazioni di Qin Leng che addolcisce e ammalia con le sue ambientazioni boschive e l’ideazione di un micro universo delizioso e particolareggiato.

È autunno, è mattina e la luce fa capolino dalle porticine di legno che segnano l'ingresso nelle varie tane del bosco e del sottobosco. Si svegliano tutti gli animali: chi dolcemente, chi lentamente, chi briosamente. Sembrerebbe incominciare una quieta luminosa giornata autunnale, ma il bollettino mattutino diffuso da una cinciallegra azzurrina non sono buone: «ARRIVA LA TEMPESTA! ARRIVA LA TEMPESTA!». Il bosco è in subbuglio, gli animali si preparano: gli scoiattoli mettono al sicuro le scorte di nocciole e ghiande, i conigli controllano che le carote siano sufficienti… E quando il vento incomincia ad infuriare il tenue calore dei focolari brilla e riscalda nel cuore della terra gli animali preoccupati ma al sicuro tra le radici e il caldo tepore del legno. Ad un tratto «due ombre avanzano in lontananza… Chi sono quei due tipi? Che cosa fanno là? Che cosa vogliono? La nostra casa? Le nostre provviste? I nostri vestiti?». La curiosità cordiale lascia spazio immediatamente alla paura e al sospetto: è un attimo fare un passo indietro e mettersi sulla difensiva, le bugie non sono che l’inevitabile conseguenza.

Sferzati dal gelo un orsetto e il suo papà si accostano ad un portone:

«“Il vento è freddo…abbiamo con noi un po’ di tè. In cambio possiamo scaldarci alla fiamma del vostro focherello?” “Il nostro fuoco si è spento. Provate nella casa a fianco».

Non c’è posto per voi. Non c’è proprio nessun posto per voi.

Solo un moto, isolato, di un volpacchiotto incrina appena il muro della menzogna: «È Volpotto. Ha con sé qualcosa che potrà essere loro utile. “Non sazia, non scalda né illumina quanto il fuoco, ma…». Una lanterna. 

Incomincia a nevicare e i due pellegrini potrebbero pensarsi perduti, invece «questa notte, la neve sarà la loro salvezza». Nel frattempo la famiglia volpe non se la vede poi così bene: «il tetto si piega, scricchiola, inizia a cedere… CRAC! BISOGNA USCIRE, SUBITO!». Lo scenario cambia e chi era al sicuro ora non lo è più. Le volpi sprofondano nella neve, poi un tepore, una luce, un «dolce profumo di spezie, cannella e ginepro».

«“Il vento è freddo, La notte è buia. In cambio di qualche biscotto, possiamo condividere il vostro rifugio?” “La lanterna si sta spegnendo e il nostro rifugio è minuscolo. Ma il nostro tè riscalda più di qualsiasi focherello! Ed è delizioso accompagnato dai biscotti!”». Il rifugio di emergenza degli orsi diventa il riparo per tanti e il poco si fa abbastanza per tutti.

La virtù della povertà di spirito, che più di una povertà materiale è l’atteggiamento di chi non ha niente da difendere e che con disponibilità si accosta all’altro, a qualsiasi altro, sembra persa in una società dove il possesso e la paura chiudono cancelli e frontiere. L’altro cos’è per te?

Il finale della storia che tende un po’ meccanicamente a determinare il cambio di atteggiamento solo in virtù della condivisione del bisogno (le volpi prima scacciano e solo nelle ambasce comprendono il disagio), rivela invece una grande verità: per non aver paura dell’altro è necessario riconoscersi bisognosi come lui.

Bisognosi di che cosa?

Le immagini dell’illustratrice canadese con le sue linee lievi, i tratti accennati quasi scompigliati dal vento, i colori tenui degli acquerelli, la dinamicità delle figurine animali rendono esattamente il calore delle luci e la fosca oppressione della bruma. Ci si gode il bosco, le piccole accoglienti tane, si vive il bosco silenzioso spettatore e si segue la luce calda del sole e dei lumi grazie a tonalità che sfumano e giocano con gradazioni tonali e cromatiche.

Una storia semplice, esplicita ed efficace che apre domande oggi più che mai interessanti, sostenuta da un apparato illustrativo godibilissimo.

Dai 3 anni.

La tempesta
Céline Claire - Qin Leng

48 pagine
Anno: 2018

Prezzo: 14,00 €
ISBN: 9788865322437

La Margherita editore
Compralo da Radice Labirinto: se non sai come fare clicca qui che ti spiego.

 

Commenti
29 Luglio 2019
Luisa

Che bella recensione, complimenti! Anche io ho letto questo tenero libro.. Mi ha lasciato un senso di pace dentro incredibile, a volte quando mi sento un po’ malinconica lo rileggo e davanti ad una buona tazza di tè mi fa compagnia.. Non sono più piccina,ma amo spesso collezionare libri per ragazzi e se hanno grafiche belle anche fiabe.. In fondo non è mai tardi per sognare ! Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *