Che Polly e il lupo tontolone abbia più di 60 anni non si nota, ma che sia stato scritto per rispondere esplicitamente ad una domanda, questo si nota un po’ di più.

Catherine Storr, autrice che ha fatto la storia della letteratura per l’infanzia inglese, fu una psichiatra che ad un certo punto della sua vita decise di dedicarsi alla scrittura per bambini. Fu probabilmente proprio la sua riflessione sulle paure infantili a darle lo spunto per nascita della serie di Polly e il lupo “tontolone” (stupid in inglese): una collana di brevi storie al cui centro troviamo una bambina - incalzata da un lupo che desidera mangiarsela - che ricorre costantemente alle sue risorse per sfuggire alla cattura, riuscendoci.

Le storie, dunque, mostrano un canovaccio ricorrente e prevedibile (il lupo=cattivo, la bambina=ingegnosa) e anche molto esplicito (il lupo è definito, appunto “tontolone”, Polly è sempre appellata come intelligente e furba e tutte le storie si concludono con dichiarazioni chiare sul successo di Polly: «Polly sorrideva fra sé. Ancora una volta aveva sconfitto il lupo», «Polly arrivò a casa sana e salva, e neanche quella volta il lupo riuscì ad acchiapparla»).

Dalla sua, tuttavia, l’autrice inglese sfoggia una capacità narrativa di cui dobbiamo darle merito: le storie, sebbene seriali, hanno trame con passaggi inconsueti e dialoghi interessanti e sono piacevolmente leggibili, anzi ci si chiede quale sarà il nuovo piano architettato dal lupo per riuscire ad acchiappare Polly. Una volta il lupo compra una pozione che dovrebbe renderlo invisibile, una volta finisce in uno zoo rispondendo ad una inserzione su un giornale, una volta si traveste da macellaio (ma si mangia tutta la carne!), una volta scrive un annuncio sul giornale...

La paura è certamente il centro motore delle storie a cui fa fronte la resilienza infinita della bambina che di fronte ad ogni trovata del lupo riesce a trovare una soluzione e una via di scampo, ma nel corso dei diversi episodi si incontrano anche molte altre sfumature dell’animo: la tristezza, l’empatia, la rabbia… Le storie non approfondiscono particolarmente l’aspetto descrittivo del mondo di Polly, sono invece in dialoghi ad occupare quasi totalmente la narrazione e questo permette di rendere moderna e contemporanea una vicenda, che evidentemente non ha tempo. Molti i riferimenti fiabeschi e favolistici che si intrecciano con la trama: il lupo cerca di ricreare situazioni che almeno inizialmente vedono trionfare il lupo (Cappuccetto rosso, I tre porcellini, Il lupo e i sette capretti, Hansel e Gretel, Jack e il fagiolo magico…), anche se poi è la stessa Polly ad usare le storie a suo favore. Il senso di disagio è sottile ma costante (Polly è seguita dal lupo, il lupo tampina Polly a casa…), anche perché la bambina è sempre sola nel suo fronteggiare il lupo, però i lettori saranno confortati dai finali sempre positivi e la lettura sarà mitigata dalle situazioni divertenti che i personaggi riescono sempre a creare, anzhe inconsapevolmente.

La bambina è sola davanti al lupo nero, come di fatto i bambini si sentono di fronte alle proprie paure, ma percorrendo senza paura tutto il percorso alla fine vince sempre, grazie proprio alle sue risorse.

La collana contemporanea di Mondadori si conferma come un interessante esperimento di proposizione di testi (anche) classici attraverso la lettura contemporanea, appunto, di illustratori bravissimi. Simona Mulazzani, infatti, rende questo volume una vera chicca per gli occhi con una Polly dallo sguardo gentile, una morbida chioma aranciata, i nastrini nei capelli e le ballerine ai piedi.

Un libro interessante che smentisce ancora una volta l’assenza di bambine coraggiose e intrepide nella storia della letteratura e che finalmente arriva in Italia, offrendo 13 episodi di quotidiana lotta alla paura, attraverso racconti piacevoli e compìti.

Benvenuta Polly!

I lettori dai 7 anni riusciranno ad affrontare i singoli episodi, per la lettura completa bisognerà aspettare gli 8 anni, mentre nell’esperienza condivisa il testo può essere proposto anche a 5 anni.

Polly e il lupo tontolone Catherine Storr - Simona Mulazzani - Angela Ragusa (traduttrice) 112 pagine Anno 2017 Prezzo 18,00 € ISBN 978880467476 Editore Mondadori
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *