In questo periodo sento molta nostalgia delle montagne dell’Alto Adige dove da più di vent’anni trascorro le vacanze estive. È un sentimento a cui il vento, gli scoiattoli del parco e i prati sempre più verdi accennano mentre corro tra una giornata e l’altra. E poi una mattina, mentre cercavo un libro per parlarvi di Gioia Marchegiani, una illustratrice selezionata per il premio internazionale di illustrazione della Bologna Children’s Book fair, ho scoperto che ha illustrato una raccolta di poesie di Antonia Pozzi.

Io amo la poesia di Antonia Pozzi, i suoi tempi sospesi, la luce e l’ombra degli spazi che descrive, il tu ricorrente che senza indugio ti prende per mano e ti costringe a sederti lì, accanto alla poetessa, ad osservare quei monti, quei boschi, quei prati, quei fiori… Antonia Pozzi amava moltissimo la montagna e quel cuore inquieto e mai pago forse in quei luoghi provava quella pace a me tanto familiare.

Ma perché parlarvene su Scaffale Basso?

Beh, dovete sapere che Teresa Porcella per Motta junior ha ideato una collana dedicata alla poesia e ai bambini, in un connubio di immagini e versi serio, senza sconti e per questo affascinante. Quando si legge la poesia ai bambini, loro percepiscono che si sta facendo sul serio, che li si sta prendendo sul serio e così si azzittiscono, pronti, attenti a incamminarsi con te.

Le 31 poesie raccolte in questo volumetto rincorrono gli spazi alpini di Pasturo e delle Grigne, l’infanzia, la noia, lo stupore, la gioia ma anche l’urlo e la domanda insistente di Antonia Pozzi, i colori dell’estate, la malinconia di averli persi… Ogni parola che potrei spendere non basterebbe a descrivere il contenuto tra le pieghe di ogni parola: dentro i versi della poetessa milanese c’è una ricchezza emotiva e immaginifica che smuove lo stomaco.

«Gioia di cantare come te, torrente;

gioia di ridere

sentendo nella bocca i denti

bianchi come il tuo greto;

gioia d’essere nata

soltanto in un mattino di sole

tra le viole

di un pascolo;

d’aver scordato la notte

ed il morso dei ghiacci.»

La poetica di Antonia, imperniata sull’esperienza, e la sua semplicità espressiva colpiscono i bambini che riescono ad entrare immediatamente in sintonia con la sua opera. “Leggi ancora, mamma” ha chiesto con fermezza Saverio mentre sgranocchiava il pane e marmellata, una domenica a merenda. Non sono versi da memorizzare come filastrocche, ma sono istantanee di uno sguardo che ha visto oltre le solite cose, quelle che sfilano sotto i nostri occhi ogni giorno. Si fa silenzio e si vede.

«Tu aspetta me».

Gioia Marchegiani fa un gran lavoro. I suoi acquerelli colgono esattamente la tensione e il respiro pacifico che si annida tra le parole e traducono le immagini poetiche in una serie di appunti illustrati che sembrano ritratti dal vivo. Non vi è nessuna preoccupazione descrittiva, ma le matite che tratteggiano le figure, i gesti in primissimo piano e quegli accenni colorati, il calore e le ombre si raccolgono come grumi di una giornata trascorsa al sole e fermata velocemente su un quaderno di appunti, perché non venga dimenticata. Le piante, gli animali, le case, i bambini, i prati, i laghi sono circondati dal bianco (solo nel caso di Risveglio notturno c’è un nero claustrofobico): una incompiutezza che dilata la sensazione di un appunto visivo strappato al tempo, effimero, ma che nello stesso tempo coglie il cuore di uno sguardo gettato lontano oltre la pagina. Solo nell’ultima tavola una bambina un po’ assorta si volge verso i lettori, ma anche lei guarda oltre: siamo spettatori di qualcosa che c’è dietro ogni immagine. La capacità quasi fotografica dell’illustratrice e il calore vivido che riesce a donare ai gesti che accenna appena con le sue matite sono stupefacenti.

La lettura di testi di questo tipo non permette di mostrare contemporaneamente le illustrazioni, si perderebbe il coinvolgimento emotivo, ma se la lettura è individuale, la luce delle immagini di Gioia Marchegiani vi abbaglierà.

Leggete la poesia ai bambini (queste dai 6 anni), regalate loro un sguardo diverso e le parole esatte per parlare del loro cuore.

«Fiaba

del tempo d’amore -

profondo sorso - vita

compiuta -

gioia ferma nel cuore

come un coltello nel pane».

Nel prato azzurro del cielo
Antonia Pozzi - Gioia Marchegiani

64 pagine
Anno: 2015

Prezzo: 12,00 €
ISBN: 9788809816879

Motta junior editore
Compralo da Radice Labirinto: se non sai come fare clicca qui che ti spiego.

Commenti
6 Ottobre 2017
Maria

Grazie Luisa di essere passata di qui! E grazie delle tue parole!

6 Ottobre 2017
Luisa

Descrizione coinvolgente. Penso che mi appuntero’ quanto avete suggerito per i prossimi acquisti, per me e per i miei nipoti presenti e futuri. Buona giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *